Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

TOP_SEZIONETOP_sezione

15m_lavoro-e-previdenza
Due giorni fa, qualche ora prima dell'emanazione del c.d. "decreto salva Italia", abbiamo pubblicato una Pillola di Francesca Scendoni a proposito della soppressione dell'ENPALS, l'ente previdenziale di riferimento del mondo sportivo. Oggi, pubblicato il decreto nel suo testo definitivo e vista l'importanza dell'argomento, si ritiene opportuno offrire ai nostri lettori una prima breve disamina della disposizione, ben sapendo che si tratta di tema sul quale non mancheranno discussioni e osservazioni crtiche dal mondo politico ed economico e sul quale avremo più volte occasione di tornare nei prossimi mesi. * Stefano Andreani - Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Firenze

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Lavoro autonomo, lavoro occasionale, collaborazioni coordinate e continuative, prestazioni sportive dilettantistiche, collaborazioni coordinate e continuative di natura amministrativo gestionale, lavoro subordinato, lavoro accessorio e lavoro somministrato: sono questi i rapporti di lavoro che possono instaurarsi nell’ambito di associazioni e società sportive dilettantistiche. Fiscosport ha, da sempre, trattato in maniera approfondita le problematiche legate ai rapporti di lavoro che possono instaurarsi nell’ambito dei sodalizi sportivi; pertanto il presente documento non vuole essere un “manuale” di diritto del lavoro ma bensì un elaborato “operativo” che possa dare una risposta di massima, ma immediata, alle caratteristiche delle “figure” lavorative coinvolte, oltre che agli adempimenti dettati dalla materia giuslavoristica.

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Il Ministero del Lavoro, in data 8 marzo scorso, ha dato risposta ad interpello 13/2011 in merito al trattamento ai fini previdenziali e assistenziali dei lavoratori dello spettacolo assunti con contratto di collaborazione a progetto (situazione ENPALS di interesse anche per società ed associazioni sportive dilettantistiche).

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Il 24 novembre 2010 è entrata in vigore la l. n. 183 del 4 novembre 2010, più conosciuta come “Collegato Lavoro”. Un importante provvedimento che ha apportato profonde ed ampie modifiche al diritto giuslavoristico, ma che ha avuto un iter legislativo molto travagliato. Per la sua approvazione in via definitiva sono occorse ben sette letture iniziate nell’autunno del 2008 (un percorso, questo, che ha ben pochi precedenti nell’intera vita legislativa del nostro Paese) ed è stato motivo di duri scontri tra maggioranza e opposizione. Al termine ne è nato un provvedimento che, come detto, è un processo riformatore assoluto tra le norme che regolano la materia del “lavoro”; ma è solo la prima parte di un progetto completo finalizzato alla definizione anche di un nuovo Statuto dei Lavoratori.

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Pubblicata sul sito del Ministero del Lavoro, una risposta ad un quesito (allegato - FAQ del 1 settembre 2010) ha cercato di risolvere i dubbi dei dirigenti delle società ed associazioni sportive dilettantistiche in tema di sicurezza sul lavoro, creando – ad avviso di chi scrive – un clima di assoluto disagio in un settore già provato dalle note diatribe che da anni il tormentone Enpals sta suscitando. In via preliminare si sottolinea, infatti, che il mondo sportivo ed il no profit in generale non sfugge alle norme previste dal D.Lgs. n. 81/2008 (che per i non addetti ai lavori ha sostituito il ben più noto decreto 626/1994 sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori), proprio in considerazione della ampia definizione normativa di lavoratore e di datore di lavoro: il legislatore definisce lavoratore “ la persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge una attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione , …” , mentre è datore di lavoro chi ha la “ responsabilità delle prestazioni lavorative o alle stesse equiparate” . Si evidenzia, nella risposta al quesito, che

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale per l’Attività Ispettiva - ha risposto, in data 09 giugno 2010, ad un’istanza di interpello ex art. 9, D.Lgs. n. 124/2004 avanzata dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro in merito alle collaborazioni coordinate e continuative instaurate, ai sensi dell’art. 90, commi 3 e 23, L. 289/2002, nell’ambito delle Associazioni e Società sportive dilettantistiche. L’interpello affronta diverse problematiche: alcune di natura “procedurale” (obbligo di comunicazione preventiva ai Centri per l’Impiego e di annotazione sul Libro Unico del Lavoro), altre di natura “sostanziale”(obbligo di assoggettamento a contribuzione ENPALS ovvero esenzione per determinate categorie di prestazioni). Si tratta di questioni che, nonostante siano trascorsi ormai diversi anni dall’emanazione delle norme di riferimento, sono ben lungi dall’essere definitivamente chiarite, come dimostrano i continui interventi, sia legislativi che di prassi, dei ministeri competenti, e l’ormai copiosa produzione dottrinale apparsa sulle riviste specializzate. Nelle prossime newsletters - dopo la pausa estiva - gli esperti Fiscosport tratteranno gli aspetti formali e procedurali delle problematiche sollevate dal Consiglio Nazionale del Consulenti del Lavoro. Le presenti note si propongono invece di fare il punto della situazione sotto l’aspetto della debenza contributiva con l’obiettivo, come sempre, di cercare di offrire delle linee-guida agli operatori sportivi.

Continua ...

 

 

15m_lavoro-e-previdenza
L’Enpals con la circolare n.5 del 9 febbraio 2010 ha reso noto che la misura dell’interesse di mora riguardante soltanto il debito contributivo, dopo aver raggiunto il tetto massimo delle sanzioni civili nel caso di omissione od evasione contributiva, è stabilito per l’anno 2010 al 6,8358% in ragione di anno. In modo particolare l’Enpals ha precisato che, considerando il regime sanzionatorio previsto dalla L.388/2000, la sanzione civile è pari al tasso annuo del 6,5% annuo quando:

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
L’Inps con la circolare n.17 del 3 febbraio 2010, ha fornito chiarimenti in merito alle novità previste dalla La L.191 del 23 dicembre 2009 (Finanziaria 2010) per quanto attiene l’applicazione del contratto di prestazioni occasionali di tipo accessorio di interesse le cui novità hanno interessato anche le società ed associazioni sportive dilettantistiche. La novità prevista per il settore sportivo dilettantistico è quella di aver offerto la possibilità ai maneggi ed alle scuderie di usufruire di prestazioni occasionali di tipo accessorio. Occorre chiarire comunque che spesso i maneggi pur esercitando attività di carattere sportivo regolarmente affiliata ad una federazione sportiva, rientrano nell’ambito di una azienda agrituristica che ricade nel comparto agricolo.

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Spettacolo, interessi di mora sulle sanzioni L'ENPALS fa presente che è stato aggiornato l'interesse di mora sul debito contributivo dopo il raggiungimento del tetto massimo delle sanzioni civili. Con decorrenza 1° ottobre 2009 è stata fissata al 6,8358 per cento, in ragione annuale, la misura del tasso di interesse da applicare nelle ipotesi di ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo. Pertanto anche la misura dell’interesse di mora che matura, sull’importo del solo debito contributivo, dopo il raggiungimento del tetto massimo delle sanzioni civili relative alle ipotesi di omissione ed evasione contributiva, risulta essere attualmente fissata al 6,8358% in ragione d’anno. (Circolare ENPALS 09/02/2010, n. 5)

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Per l’anno 2010 il limite minimo di retribuzione giornaliera, per l’assolvimento degli obblighi contributivi di legge, riferito ai settori di competenza dell’ENPALS, è pari a 43,79 euro (9,5% dell'importo del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti in vigore al 1.1.2010, pari a euro 460,97 mensili). Nell'ipotesi, pertanto, di contratti collettivi nazionali, che prevedano l'effettuazione di 5 giornate lavorative settimanali, per un totale di 40 ore, la paga oraria è pari ad euro 5,47 (43,79 x 5 : 40). La circolare, disponibile sul sito ENPALS ed allegata alla presente news, individua anche i nuovi limiti dei massimali contributivi annui e dei contributi di solidarietà.

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
In data 09/11/2009 l’ENPALS ha emanato la circolare n. 18 “per fornire le opportune precisazioni in ordine alla corretta individuazione dell’ambito delle attività comprese nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche” La circolare, il cui testo è disponibile nella presente newsletter,   si è resa necessaria – ed era attesa da tempo – a seguito dell’emanazione delle disposizioni di cui all’art. 35, c. 5, D.L. 207/2008 che hanno chiarito, con una norma di interpretazione autentica, che anche le attività svolte dagli istruttori sportivi debbano essere ricomprese, subordinatamente al verificarsi degli altri presupposti previsti dalla legge, nella locuzione “esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche” di cui all’art. 67, c.1, lett. m) del T.U.I.R. Con la circolare in oggetto l’ENPALS ha chiarito la propria posizione in merito al trattamento contributivo e previdenziale di tali attività. Il presente articolo, oltre ad illustrare i contenuti del documento interpretativo dell’Ente, fa il punto sullo “stato dell’arte” in relazione alla delicata materia dell’inquadramento degli istruttori sportivi.

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Le associazioni sportive dilettantistiche e le società sportive dilettantistiche devono considerare attentamente il decreto emanato dal Ministero dell’interno datato 6 ottobre 2009, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.235 del 9 ottobre 2009, che regolamenta la figura dei buttafuori prevedendone i requisiti per potersi iscrivere in un apposito elenco prefettizio. In via transitoria è previsto che chi già svolge l’attività di buttafuori può continuare a svolgerla per un periodo massimo di sei mesi dall’entrata in vigore del decreto,prima di iscriversi nel registro prefettizio. Per buttafuori, si intendono tutti coloro che svolgono attività di controllo delle attività di intrattenimento di spettacolo in luoghi aperti al pubblico od in pubblici esercizi.

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Nella Newsletter n.13/2009 del 25/06/2009, si era affrontato il tema della “sicurezza sul lavoro” in ambito di associazioni sportive dilettantistiche (articolo che invitiamo a rileggere per avere un quadro organico con il presente documento - reperibile nella raccolta di newsletter -) In quella sede si era anticipato che le norme vigenti avrebbero sicuramente subito modifiche in tempi brevi: e così è stato. Nell’Agosto scorso, precisamente dal giorno 20, entra in vigore, con la pubblicazione sulla GU n.180 del 05/08/09 (quindi dopo i canonici 15 giorni di vacatio legis), il DLgs n.106 del 03.08.09, che integra e corregge le norme del Testo Unico (TU) del 2008 (Dlgs n.81).

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Le prestazioni occasionali di tipo accessorio hanno subito una modifica sostanziale, che di fatto ha interessato anche le entità sportive dilettantistiche con l’articolo 7 ter comma 12 della L.33/2009. La novità consiste nella possibilità di porre in essere prestazioni occasionali di tipo accessorio in presenza di manifestazioni sportive anche organizzate da un ente pubblico. Ma non per tutti i soggetti:

Continua ...

 


« Precedente1 2 3 4 5 Successivo » (31-45/69) | Per pagina: 15, 20


a
A

Fiscosport informa:

ABBONAMENTO 2019

 

Basta poco per garantirsi un anno di aggiornamenti fiscosportivi!!! 

Info su costi e modalità alla pagina Abbonamenti

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.