Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

HOMEHOME

9m_convegni-ed-eventi
La Città di Venezia - Direzione Politiche Educative e Sportive - Assessorato allo Sport e Servizi Sportivi - organizza il convegno presso la sala seminariale del Centro Culturale Candiani di Mestre mercoledì 24 MAGGIO 2006 alle ore 17.30 . Intervengono : la dott.ssa Valentina Di Renzo , dottore commercialista in Venezia, Consulente Provinciale Fiscosport Venezia; la dott.ssa Laura Cantanna , dottore commercialista in Venezia, Collaboratrice della Redazione Fiscosport, esperte in materie fiscali sportive. Partecipano : il prof. Sandro Simionato , Assessore allo Sport; il dott. Roberto Sussberg , Dirigente Servizi Sportivi. L'ingresso è libero, con prenotazione obbligatoria direttamente all'Assessorato allo Sport del Comune di Venezia, o, limitatamente agli utenti abilitati ai Servizi Fiscosport (*), cliccando qui: Prenotazione . (*) Il Comune di Venezia darà priorità alle prenotazioni effettuate dalle associazioni con sede nel comune stesso, per cui le prenotazioni degli utenti Fiscosport saranno inoltrate all'Assessorato allo Sport. Successivamente l'utente che ha effettuato la prenotazione riceverà l'accettazione (conferma) via mail, in base alla disponibilità di posti.

Continua ...

 

M_art-no-image
1^ parte – Gli aspetti civilistici delle associazioni sportive dilettantistiche   Sommario : 1) Associazioni (riconosciute e non riconosciute) e società: caratteri distintivi. 2) La costituzione di un’Associazione - Atto costitutivo e adempimenti relativi. 3) Lo statuto di un’Associazione sportiva dilettantistica – Particolarità. L’art.90 della legge 27 dicembre 2002 n. 289 (modificato dalla legge n.128/2004) al comma 17 ha espressamente previsto che “.. le associazioni sportive dilettantistiche ...possono assumere una delle seguenti forme: (1)          associazione sportiva priva di personalità giuridica disciplinata dagli artt.36 e ss. del codice civile; (2)          associazione sportiva con personalità giuridica di diritto privato ai sensi del regolamento di cui al DPR 10.02.2000 n.361; (3)          società sportiva di capitali o cooperativa costituita secondo le disposizioni vigenti, ad eccezione di quelle che prevedono le finalità di lucro...” La differenza principale tra associazione riconosciuta e non riconosciuta discende ...

Continua ...

 

11m_guide-e-vademecum
Fiscosport pubblica in 8 newsletters dal 9 maggio al 27 giugno 2006 il corposo vademecum sul RAPPORTO DI LAVORO NEL MONDO DELLO SPORT. Nella presente newsletter la parte introduttiva. Nella newsletter n. 18 del 16 maggio p.v. si entrerà, invece, nell'ambito dei "contratti", esaminando in primis il rapporto di lavoro autonomo.    Introduzione La finalità generale di questo lavoro è quella di fornire un quadro generale, della capacità del mercato del lavoro nel mondo Sportivo attraverso dati e informazioni tratti dalla ricerca sull’Occupazione nello Sport in Italia [1] , e di analizzare la tipologia di contrattualistica, le normative fiscali e previdenziali vigenti applicabili al rapporto lavorativo sportivo. [1] “Sport Employment in Europe”, realizzato dallo EOSE, European Observatoire for Sport Employment, per conto della   DG X della Commissione Europea con l’adattamento realizzato da Alberto Madella della Scuola dello Sport CONI, componente del Gruppo di Ricerca dell’EOSE e da un volume promosso dall’ILO – Organizzazione internazionale del Lavoro – a cura di Giovanni di Cola, nonché dalla Carta Sportiva Europea del Consiglio d’Europa .

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Siamo un'associazione sportiva dilettantistica iscritta regolarmente al registro CONI ed affiliata alla Federazione Italiana Vela; ci chiedavamo se alla luce del D.M. 15.03.2005, per i compensi erogati agli istruttori federali, che superano il tetto dei 7.500 euro, sia comunque obbligatorio iscriverli presso l'E.N.P.A.L.S. e quindi versare i relativi contributi. Grazie. risposta a cura della Dott.ssa Valentina Di Renzo, Consulente Provinciale Fiscosport Venezia

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Le recenti circolari ENPALS n. 7 e 8 del 30/3/06, emesse a seguito dell'emanazione del Decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali 15/3/05, e soprattutto le verifiche ispettive che da tali circolari sono originate, stanno creando grande preoccupazione a tutto il mondo dello sport dilettantistico. Tale questione deve essere correttamente affrontata su due piani ben diversi . In primo luogo l'interpretazione logico-giuridica delle norme e delle circolari. Al di là della dovuta prudenza, dall’analisi della normativa non si vede né come possano essere assoggettati a obbligo contributivo le indennità, i rimborsi e i compensi "sportivi" di cui all'art. 67, 1° comma, lettera "m" del TUIR. né, peraltro, quale sia la reale novità introdotta dal citato Decreto ministeriale.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Sono il presidente di una società sportiva dilettantistica di recentissima costituzione, sono un utente registrato in fiscosport. Volevo chiederle se possibile, un chiarimento sugli obblighi civilistici della mia societa: siamo una srl, in regime di cui alla legge n. 398/91, abbiamo un volume di affari di circa 200.000 euro. Devo tenere il libro giornale ed il libro inventari? Come li compilo? Come faccio a fare il bilancio se i costi sono determinati forfettariamente? Deve essere compilato secondo le norme europee e depositato in CCIAA? Io non ci capisco più niente, ho provato a leggere le sue slide del convegno di Treviso, ho letto altre informazioni, ma francamente non riesco a capire se i libri sociali vanno tenuti anche se non si paga la tassa di vidimazione: sembra un controsenso. Mi può delucidare. Grazie infinite. risposta a cura del dott. Giuliano Sinibaldi, Consulente Regionale Fiscosport Marche.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Salve, sono il presidente di una associazione sportiva dilettantistica attiva negli sport nautici. L'associazione ha aderito al regime forfetario di cui alla legge 398/91. Vorrei porre un questito in merito al calcolo dell'IRES. Come sappiamo la somma dei proventi di natura commerciale moltiplicata per il coefficente di redditività (3%) determina il reddito imponibile ai fini IRES. La nostra associazione ha avuto nel corso dell'anno entrate commerciali (sponsorizzazioni sportive) e ha versato l'IVA su queste entrate commerciali nella misura del 90%. Il rimanente 10% dell'IVA rimane tra i proventi dell'associazione. A questo punto la mia domanda è se tra le entrate commerciali ai fini del calcolo dell'imponibile IRES è necessario sommare, oltre agli importi delle sponsorizzazioni sportive, anche il rimanente 10% dell'IVA che rimane tra i proventi. risposta a cura della dott.ssa Valentina Di Renzo, Consulente Provinciale Fiscosport Venezia.

Continua ...

 

9m_convegni-ed-eventi
il Convegno "Associazioni Sportive Dilettantistiche   - aspetti civilistici e giuslavoristici " in collaborazione con   Fiscosport Relatori: Katia Scarpa - Avvocato in Milano, Dottore di Ricerca in diritto Tributario, collaboratrice della redazione Fiscosport ; Maddalena Pognici - Avvocato in Venezia; Pietro Canta - Ragioniere Commercialista in Imperia, Consulente Nazionale e Coordinatore dei Consulenti Fiscosport; Valentina Di Renzo - Dottore Commercialista  in Venezia e Conmsulente Provinciale Fiscosport Venezia; Laura Cantanna - Dottore Commercialista in Venezia, collaboratrice della Redazione Fiscosport; Antonio Asquino - Consulente del Lavoro in Venezia. SABATO 6 MAGGIO 2006   -  Aula Magna, Istituto Tecnico Statale per il Turismo "G. Mazzotti" - via Tronconi, 1  -  TREVISO programma dettagliato:

Continua ...

 

 

M_art-no-image
Con la novità arrecata dal collegato alla finanziaria 2006 , le spese di manutenzione ordinaria possono essere portate in riduzione del canone di locazione solo se “ documentate ”. A tal fine, il reddito degli immobili degli enti non commerciali ceduti in locazione, con la sola esclusione degli immobili strumentali e di quelli oggetto dell’attività d’impresa, va determinato considerando il maggiore dei valori tra la rendita catastale (rivalutata del 5%) e il canone di locazione, ridotto delle spese documentate sostenute ed effettivamente rimaste a carico del locatore per la realizzazione degli interventi di manutenzione ordinaria, fino ad un massimo del 15% del canone annuo. Ciò ai sensi del nuovo articolo 144 del TUIR. E’ questo uno dei tanti chiarimenti contenuti nella circolare n. 10 del 13 marzo 2006, incentrata sul collegato alla finanziaria 2006 (Legge 2/12/2005, n. 248, che ha convertito il D.L. 30/9/2005, n. 203) a cura del rag. Vincenzo D'Andò, Consulente Provinciale Fiscosport Palermo

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Sono il Presidente di una associazione calcistica dilettantistica affiliata alla FIGC, con regolare Statuto modificato in base alla legge 289/2002, e già iscritta nel registro nazionale delle associazioni e società sportive dilettantistiche tenuto dal CONI. Abbiamo fatto regolare richiesta entro il 10.02.2006 sul sito internet dell'agenzia delle entrate, per la destinazione del 5 per mille. Ho visto la Vs. risposta al quesito n. 206/a di un paio di mesi fa. Ci sono ulteriori novità? Il termine "riconosciute" non va interpretato in funzione dell'istituzione del registro del CONI? Attendo riscontro grazie e saluti. risposta a cura del rag. Pietro Canta, Consulente Nazionale Fiscosport.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Vorrei sapere se in una neocostituenda associazione sportiva che si affilierà alla FISG e che adotterà il modello di Statuto riportato nella Vs. modulistica sia possibile eleggere l'allenatore (che non è socio) quale Consigliere/direttore tecnico. Ciò è ammesso dalla FISG? Ciò non costituisce pregiudizio nel pagamento dei compensi all'allenatore in quanto la gratuità dell'incarico svolto resta delimitata esclusivamente allla sua funzione di Consigliere e non anche a quella di allenatore? Nel Direttivo possono entrare anche non soci? Grazie. risposta a cura della dott.ssa Valentina Di Renzo, Consulente Provinciale Fiscosport Venezia.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Vorrei porre un quesito circa il trattamento dei compensi erogati agli sportivi dilettanti nella forma di collaborazione e nel limite dei 7500 Euro annui. Il problema riguarda l’erogazione di compensi nei confronti di un soggetto risultante a carico del proprio genitore in quanto non percipiente di ulteriori redditi. In tal caso, oltre al predetto limite di ? 7.500, occorre anche tenere in considerazione i limiti previsti per l’applicazione delle detrazioni per carichi di famiglia? In caso affermativo, oltre quale tetto il genitore non può più effettuare tale detrazione? Nel ringraziarLa anticipatamente per la disponibilità, porgo cordiali saluti. risposta a cura del dott. Giancarlo Senese, Consulente Regionale Fiscosport Campania.

Continua ...

 

M_art-no-image
Con il provvedimento di approvazione del 22/2/2006 del modello di dichiarazione UNICO 2006, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 67 alla Gazzetta Ufficiale n. 68 del 22/3/2006, l'Agenzia ha messo a disposizione il modello e le istruzioni per la redazione della nuova dichiarazione dei redditi degli enti non commerciali, tra cui le associazioni sportive dilettantistiche. Nella modulistica fiscosport (allegata anche alla presente news) potete trovare il citato provvedimento, insieme al nuovo modello e alle nuove istruzioni al modello stesso. Nelle prossime newsletter potrete trovare gli approfondimenti degli esperti fiscosport sulle novità dei modelli.

Continua ...

 

11m_guide-e-vademecum
In Italia, le istituzioni che operano nel settore del non profit o terzo settore rappresentano un’importante realtà economica e sociale e il numero di organizzazioni, di occupati e di volontari è notevolmente aumentato nell’ultimo decennio. Il legislatore fiscale consapevole dell’importante funzione che tale settore svolge ha previsto una serie di agevolazioni fiscali per quei contribuenti che effettuano erogazioni liberali a favore di enti non profit tra cui sono comprese anche le Onlus che promuovono attività sportive dilettantistiche a patto di conseguire finalità di solidarietà sociale e di rispettare i requisiti formali previsti dalla legge. Per lo sport dilettantistico la condizione solidaristica

Continua ...

 


« Precedente1 ... 156 157 158 159 160 ... 164 Successivo » (2356-2370/2454) | Per pagina: 15, 20


a
A

Fiscosport informa:

Fiscosport © è un marchio registrato.

Il materiale pubblicato sul sito è tutelato dalla normativa sul diritto d'autore. Poiché scopo di Fiscosport è la divulgazione di informazioni utili al mondo sportivo dilettantistico, viene concessa volentieri la possibilità di utilizzare testi e allegati a condizione che vengano citati sia l’autore che la fonte (indicando il link di riferimento).

Grazie della collaborazione.

__PARTIAL EDIZIONI

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.