Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

HOMEHOME

13m_la-modulistica
La comunicazione di opzione per la legge n. 398 del 16 dicembre 1991 deve essere fatta alla SIAE competente per territorio entro il 31 dicembre dell'anno precedente al quale si intende applicare il regime agevolativo (ovvero con la richiesta di partita Iva, relativamente alle società ed associazioni sportive dilettantistiche per le società/associazioni di nuova costituzione. Fiscosport ha predisposto la modulistica necessaria a tale adempimento:

Continua ...

 

13m_la-modulistica
L'autocertificazione deve essere rilasciata ai sensi dell'art. 25 della legge n. 133/99 prima di erogare compensi per l'esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche o per collaborazioni coordinate e continuative amministrativo-gestionali non professionali in ambito sportivo.

Continua ...

 

M_art-no-image
Facciamo seguito all'e-mail n. 31/2005 sulle Ultime Novità Fiscosport (articolo a firma Valentina Di Renzo e Giuliano Sinibaldi) per fugare ogni dubbio in merito a notizie apparse su un periodico specializzato che sosteneva la tesi della "inutilità" del registro, affermando che "l'iscrizione imposta dal CONI alle associazioni dilettantistiche non è condizione essenziale per ottenere agevolazioni fiscali". a cura del rag. Pietro Canta, Consulente Nazionale Fiscosport

Continua ...

 

M_art-no-image
Iniziamo la presente trattazione proprio dalla importante novità introdotta dall'art. 7 comma 2-bis legge n. 248 del 2/12/2005 (conversione del D.L. 30 settembre 2005 n. 203 - Misure di contrasto all'evasione fiscale e disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria, il cosiddetto "collegato alla Finanziaria per il 2006"), pubblicato nella G.U. n. 281 del 2/12/2005) che estende l'esenzione ICI anche agli immobili degli enti non commerciali che siano destinati allo svolgimento, anche in forma commerciale , di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonchè le attività culto (di cui all'art. 16, lettera a), legge 222/85). a cura del rag. Pietro Canta e del dott. Nicola Forte, Consulenti Nazionali Fiscosport

Continua ...

 

M_art-no-image
La Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, con la sentenza del 20/09/2005 n.18560 ribadisce l’esclusione ai fini dell’IVA per le somministrazioni di alimenti e bevande all’interno dei circoli. Quest’ultimo intervento della Cassazione si allinea alla precedente sentenza n.280/2004, e afferma nuovamente il principio secondo cui l’attività di bar svolta all’interno di circoli e in favore di associati è da qualificare fuori dal campo di applicazione dell’IVA . a cura del Dott. Andrea Liparata, Consulente Regionale Fiscosport Lazio

Continua ...

 

M_art-no-image
La Suprema Corte di Cassazione, con le sentenze della Sez. V del 12/10/2005 nn.19840 e 19843 rivede completamente la propria interpretazione circa la qualificazione tributaria IRES/IVA da attribuire alle gestioni di bar presso circoli associativi. Infatti, le predette sentenze, esprimono interpretazioni completamente disomogenee rispetto a quanto indicato nelle precedenti pronunce della medesima Cassazione sentenze Sez. Tributaria n.18560 del 20/09/2005 e n.280 del 13/01/2004, lasciando operatori e consulenti nella più ampia incertezza operativa. Senza tornare ad affrontare le ragioni dell’esclusione IRES e IVA, già trattate nella precedente e-mail sulle Novità Fiscosport n.29/2005 di commento alla sentenza n. Sez. Tributaria n.18560 del 20/09/2005, di seguito si illustrano le argomentazioni in favore dell’imponibilità emerse nelle recenti pronunce della Cassazione nn.19840/2005 e 19843/2005.   a cura del dott. Andrea Liparata, Consulente Regionale Fiscosport Lazio

Continua ...

 

M_art-no-image
C’è stata un po’ di confusione sull’argomento, con l’entrata in vigore del D.L. 30/6/05 n. 115 e dopo alcuni commenti non molto chiari apparsi sulla stampa specializzata, ci pare quindi opportuno sottolinearlo chiaramente: E' tutt’ora in vigore l’obbligo assicurativo per gli sportivi dilettanti stabilito dall’art. 51 della Finanziaria 2003. Non è più in esclusiva con la Sportass , ma l’obbligo è stato ribadito con sufficiente chiarezza (anche se non è ben chiaro quali siano le sanzioni per chi non vi adempia); raccomandiamo quindi la massima attenzione. a cura del dott. Stefano Andreani - Consulente Regionale Fiscosport Toscana

Continua ...

 

 

11m_guide-e-vademecum
L'allegata tesi costituisce un importante studio concluso nell'ambito dello sport dilettantistico, grazie anche all'apporto del progetto Fiscosport. In allegato potrete trovare in forma integrale la predetta tesi di laurea, con oggetto "Il lavoro nello sport dilettantistico , redatta sotto la guida "maestra", nella veste di Relatore, del Prof. Avv. Germano Tommaso. La stessa ha fotografato i principali aspetti lavoristici, con cenno a quelli fiscali, in riferimento a tutti gli operatori del mondo sportivo dilettantistico. Come emerso dallo studio, si impone una legge nazionale che fissi degli standard minimi, al fine di consentire una tutela ed una formazione professionale dei soggetti sportivi preposti all'insegnamento e conduzione delle variegate attività sportive. Lo sport moderno è nato come attività volontaria e gratuita, ma ha raggiunto oggigiorno una grande dimensione tale da attirare risorse economiche significative. In tale contesto quindi, la figura del "volontario sportivo" molto spesso mal si addice.

Continua ...

 

10m_giurisprudenza
Per accedere alle Sentenze della Corte Costituzionale o alle Sentenze della Cassazione , scegliere nelle sotto - rubriche sulla sinistra: le Sentenze della Cassazione sono divise per anno, le principali tematiche sono le seguenti: -Gestione di un bar in un circolo associativo -Attività commerciale e non commerciale -Imposte su imbarcazioni da diporto -Responsabilità per i gestori di palestre -Frode sportiva -Responsabilità penale e civile nello sport

Continua ...

 

22m_normativa
Legge 16 dicembre 1991, n. 398 - Disposizioni relative alle associazioni sportive dilettantistiche - pubblicata in Gazzetta Ufficiale , 17 dicembre 1991, n. 295 Si riporta di seguito il testo della legge in oggetto, aggiornato con le successive modificazioni (v. Nota)

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Sono consulente di una società a responsabilità limitata che gestisce campi da tennis e piscine. L'attività sino ad ora è sempre stata gestita come attività commerciale. Il codice Atecofin utilizzato: 92613 gestione campi da tennis, ha comportato la compilazione dello studio di settore SG83U. La società ha un capitale sociale di circa € 258.000,00 sottoscritto da 250 soci. Ci sono circa 180 soci che detengono quote da nominali €.1.300,00, tutti gli altri hanno quote di valore nominale inferiore che arriva anche a €.13,00. Esistono inoltre quote detenute da soci deceduti per i quali non si riesce a rintracciare gli eredi. Gli utenti per frequentare il club ed usufruire delle strutture sportive annualmente versano una quota; i soci della srl con quota da €.1300,00 pagano una quota scontata. La srl ha la proprietà di immobili (club house) e campi sportivi. La società deve effettuare importanti investimenti per l'ampliamento della club house e l'ammodernamento delle strutture sportive. Alla luce della recente normativa sulle società sportive dilettantistiche, volevo avere una consulenza in merito alla possibilità di far assumere una forma giuridica di società sportiva dilettantistica alla srl sopra descritta, al fine di poter usufuire delle agevolazioni fiscali e delle fonti di finanziamento previste per le stesse. Cordiali saluti risposta a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi - Consulente Regionale Fiscosport Marche

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Buongiorno, abbiamo da pochi giorni costituito una associazione sportiva dilettantistica di tiro con l'arco, siamo aderenti alla federazione nazionale FIARC, la quale non aderisce al CONI, ma alla federazione internazionale IFAA. Il nostro quesito si riferisce alle agevolazioni fiscali, e non, previste per le associazioni aderenti al CONI (art. 90 L. 289/2002). Possiamo usufruire anche noi delle citate agevolazioni? In caso contrario, quali adempimenti dobbiamo rispettare a livello fiscale e civilistico? Grazie. risposta a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi - Consulente Regionale Fiscosport Marche

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Faccio parte del Direttivo di un'associazione sportiva dilettantistica operante nel settore calcistico. Quest'anno avevamo intenzione di attivare il settore giovanile e la scuola calcio per ragazzi che vanno da 6 a 18 anni. Il quesito che vi pongo è semplice: noi siamo intenzionati a far versare ad ogni singolo atleta una quota di iscrizione fissa e una quota mensile sempre di importo fisso utilizzabile dall'associazione come rimborso spese a sostenimento dell'attività. E' giusto quindi inquadrare questi proventi come entrate istituzionali? Sono quindi esenti da iva e imposte? Vi è differenza tra i proventi di questo genere percepiti da minori di età (atleti) e quelli percepiti da maggiorenni (atleti)? a cura della Dott.ssa Patrizia Sideri - Consulente Provinciale Fiscosport Siena

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Siamo un'associazione sportiva in regime di contabilità ordinaria. Vogliamo optare per la legge 398 già dal mese di dicembre 2005. Qual'è la procedura e la modulistica da presentare all'Agenzia delle Entrate ed alla SIAE? Da quando entra poi in vigore per la nostra Associazione il regime della Legge 398? Grazie e cordiali saluti. risposta a cura della Dott.ssa Patrizia Sideri - Consulente Provinciale Fiscosport Siena

Continua ...

 


« Precedente1 ... 158 159 160 161 Successivo » (2386-2400/2405) | Per pagina: 15, 20


a
A

Fiscosport informa:

Fiscosport © è un marchio registrato.

Il materiale pubblicato sul sito è tutelato dalla normativa sul diritto d'autore. Poiché scopo di Fiscosport è la divulgazione di informazioni utili al mondo sportivo dilettantistico, viene concessa volentieri la possibilità di utilizzare testi e allegati a condizione che vengano citati sia l’autore che la fonte (indicando il link di riferimento).

Grazie della collaborazione.

__PARTIAL EDIZIONI

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.