Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

HOMEHOME

19m_le-risposte-ai-quesiti
Siamo una società sportiva che ha optato per il regime fiscale della legge 398/91. Abbiamo organizzato una manifestazione sportiva ovviamente coinvolgendo degli sponsor. Ora uno di questi, anzichè la fattura, per la quale dovrebbe pagarci anche l'iva, ci chiede di rilasciare una semplice ricevuta, che il suo commercialista ha riferito essere comunque detraibile. Siccome stiamo parlando di un'importo superiore ai 5000 euro, vorrei sapere se ciò corrisponde a verità e se sì, quale formula debbo usare nel rilasciare tale ricevuta su carta intestata della società. Grazie. risposta a cura del rag. Pietro Canta, Consulente Nazionale Fiscosport

Continua ...

 

M_art-no-image
Gli sportivi dilettanti e ancor di più i loro Dirigenti sono in trepidazione per l'assoluta mancanza di comunicazioni "ufficiali" da parte del Ministero del Lavoro e/o dell'Enpals (anche per tramite degli uffici periferici SIAE) in vista della scadenza del 17 luglio 2006 per il pagamento delle somme dovute per il periodo 22 aprile 2005 - 30 giugno 2006. Indiscrezioni di questi giorni (ieri mattina, ndr) propendono per la pubblicazione di una apposita circolare ENPALS (in corso di emanazione) che dovrebbe chiarirne l'estraneità (come già previsto per INPS ed INAIL) limitatamente ai soggetti che svolgono "esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica" intendendosi per tale quella svolta sotto l'egida e l'organizzazione delle Federazioni Sportive Nazionali, delle Discipline Associate e degli Enti di Promozione Sportiva (si dovrà chiarire poi la posizione degli amministrativo-gestionali assimilati ai predetti dalla normativa fiscale). Il condizionale è quanto mai d'obbligo vista l'assoluta assenza di interventi da parte degli organismi preposti. Fiscosport terrà costantemente monitorato il sito dell'Enpals ( www.enpals.it ) ed ogni altra fonte ufficiale, in attesa della pubblicazione della quanto mai auspicata circolare, nella consapevolezza che gli addetti ai lavori hanno, ora più che mai, bisogno di informazioni (che non giungono, come detto, dalle istituzioni).

Continua ...

 

M_art-no-image
In considerazione delle problematiche connesse all'assoggettamento ENPALS dei compensi agli sportivi dilettanti (alla data odierna non vi sono novità rispetto agli articoli a firma dei Dott. Andreani e Sinibaldi) e di altre novità introdotte dalla manovra bis (recente D.L. in corso di pubblicazione, per il quale gli esperti fiscosport predisporranno a breve uno specifico approfondimento), la redazione Fiscosport ha deciso di proseguire per tutto il mese di luglio la pubblicazione delle news in sommario e l'invio a tutti gli utenti registrati delle newsletters settimanali (ricordiamo agli utenti che di norma l'annualità fiscosportiva è di 10 mensilità, con sospensione nei mesi di luglio e agosto di ogni anno). Dal 1° al 31 agosto 2006 gli uffici Fiscosport saranno chiusi e l'invio delle newsletters riprenderà dal 5 settembre 2006.  Nel mese di agosto, eventuali novità di rilievo saranno segnalate sul sito ed inviate attraverso messaggi e-mail denominati "Fiscosport Flash", indirizzati esclusivamente agli utenti abilitati ai Servizi Fiscosport (direttamente o per tramite di un C.R. o C.P. CONI o di una Fsn/Dsa/Eps aderente al progetto globale Fiscosport).

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
In merito all'approfondimento in tema di "Contribuzione ENPALS e prestazioni sportive dilettantistiche" abbiamo riscontrato un parere opposto nell'articolo del quotidiano "Il sole 24 ore Sport" maggio 2006. Per risolvere il dubbio abbiamo contattato direttamente l'ENPALS di Milano e ci hanno ribadito che l'iscrizione è dovuta anche dai direttori tecnici ed amministrativi delle associazioni sportive dilettantistiche e che nulla valgono le agevolazioni previste in ambito fiscale per questi compensi o rimborsi spese classificabili come redditi diversi. Vorremmo gentilmente un ulteriore Vostro parere. Ringraziamo e porgiamo cordiali saluti. risposta a cura del Dott. Stefano Andreani, Consulente Regionale Fiscosport Toscana

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Siamo un' Associazione Sportiva Dilettantistica che ha optato per il regime agevolato 398/91. Per quel che concerne i compensi corrisposti ad istruttori nell'ambito dell' importo di € 7.500,00 (no-tax area), alla luce della nuova normativa, è comunque obbligatorio iscrivere i suddetti istruttori all' INPS? risposta a cura del Dott. Stefano Andreani, Consulente Regionale Fiscosport Toscana

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Siamo un'associazione sportiva dilettantistica che gestisce una piscina. Abbiamo dei dubbi circa gli oneri previdenziali degli atleti e istruttori che percepiscono somme non superiori a 7.500,00, e più precisamente: devono essere iscritti all'INAIL? devono essere iscritti all'Enpals e quindi versare i contributi? Devono essere iscritti ad altri enti previdenziali o assicurativi specifici del settore? Grazie. risposta a cura del Dott. Stefano Andreani, Consulente Regionale Fiscosport Toscana

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Seguo con attenzione e con apprensione il susseguirsi di circolari e suggerimenti in merito alla questione "Enpals". Vedo che mentre in un primo momento si escudevano coloro i quali operano all'interno di associazioni sportive dilettantistiche, adesso in via prudenziale si consiglia di ritenere esenti solo gli atleti dei suddetti sodalizi. La prudenza non è mai troppa, ma sicuramente troppo è l'onere che verrà a gravare su realtà che in atto mirano alla sopravvivenza, vista la crisi economica che incombe su quasi tutte le associazioni sportive dilettantistiche che spesso contano su esigui contributi per potere affrontare i propri costi. Mi chiedo se può l'Enpals disconoscere con una circolare tornacontista una ben precisa normativa che abbraccia tecnici ed istruttori che operano per le nostre realtà sportive e non soltanto gli atleti. risposta a cura del Dott. Stefano Andreani, Consulente Regionale Fiscosport Toscana

Continua ...

 

13m_la-modulistica
Riportiamo, in allegato, un fac-simile - predisposto dal Dott. Giorgio Gentili, Consulente Provinciale Fiscosport Macerata - utile per le associazioni sportive che devono inserire l'informativa per la privacy nel modulo di adesione all'associazione stessa.

Continua ...

 

11m_guide-e-vademecum
LA RIFORMA BIAGI NELLO SPORT   Con l'entrata in vigore del D.Lgs n. 276/2003, che ha recepito i principi della legge delega n. 30 del 14 febbraio 2003, in materia di occupazione, la cosiddetta " Riforma Biagi ", il mercato del lavoro si presenta oggi assai articolato: tra il bianco del lavoro subordinato e il nero di quello autonomo e cioè dei due grandi blocchi del lavoro "tipico", sono sbocciate numerose sfumature di grigio. Il settore economico dello Sport ha caratteristiche molto specifiche, e condizioni di professionalizzazione e di carriera molto variabili, instabili, flessibili, precarie, stagionali e atipiche, poco comparabili con i modelli tradizionali di occupazione. Per definire i soggetti emergenti, i giuslavoristi usano il sostantivo "atipici", mentre nel linguaggio corrente vengono preferite le parole "parasubordinati" o "mediamente autonomi". La riforma Biagi, oltre ad avere introdotto varie nuove forme di rapporto di lavoro dipendente, alcune innovative e altre sostitutive o integrative di forme esistenti (il contratto di somministrazione a tempo indeterminato o staff leasing, il contratto di somministrazione a tempo determinato o lavoro interinale, il distacco o affitto di personale, il contratto di appalto di servizi, il lavoro ripartito o job sharing, il lavoro a tempo parziale, l'apprendistato, il contratto di inserimento), ha innovato, altresì, sia pure in chiave antielusiva, sulle collaborazioni coordinate e continuative con l'introduzione del lavoro a progetto in sostituzione delle co.co.co (e ha fatto salvi i rapporti e le attività di collaborazione coordinata e continuativa comunque rese e utilizzate a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline associate e agli enti di promozione sportiva riconosciute dal Coni, come individuate e disciplinate dall’art.90 della legge 27 dicembre 2002, n.289) e sull'apporto di lavoro in associazione in partecipazione, con trasformazione automatica del rapporto in lavoro subordinato in tutti i casi in cui siano violate le relative regole. Tale riforma, infine, ha innovato anche sul lavoro occasionale, con l'introduzione delle prestazioni di tipo accessorio rese da particolari soggetti, delle collaborazioni coordinate e continuative minime o prestazioni occasionali tecniche e del lavoro subordinato discontinuo a chiamata o intermittente (job on call).

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Siamo una associazione sportiva dilettantistica di volley da pochi mesi gestori di un impianto sportivo. Applichiamo le tariffe indicate dall'amministrazione comunale proprietaria dell'impianto. Alle altre associazioni alla quali affittiamo l'impianto in base ad un orario prestabilito consegnamo a fine mese una ricevuta per quanto da loro pagato. Occorre applicare l'iva a questo importo? Questo introito va inserito nella denuncia? Noi siamo in regime 398 forfettario. Grazie. risposta a cura della Dott.ssa Rosanna D'Amore, Consulente Regionale Fiscosport Emilia Romagna.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Vorrei sapere se aprendo un'associazione sportiva dilettantistica durante l'anno (esempio il 30/06) i 250.000,00 euro disponibili per il fatturato agli sponsor si possono usare tutti o solo l'importo che si ricava con i giorni dal momento dell'apertura(250.000:365=x182 giorni=importo da usufruire per la fatturazione???) Ringrazio fin d'ora per la cortese attenzione e porgo cordiali saluti. Risposta a cura della Dott.ssa Rosanna D'Amore, Consulente Regionale Fiscosport Emilia Romagna

Continua ...

 

15m_lavoro-e-previdenza
Come ormai noto, l’ENPALS (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Lavoratori dello Spettacolo), con l’emanazione di una recente circolare ( la n. 7 del 30/03/2006) ha operato un’interpretazione estensiva in relazione all’adeguamento delle categorie dei lavoratori in relazione ai quali corre l’obbligo di iscrizione presso l’ente stesso, con conseguente assoggettamento al versamento dei relativi contributi. La suddetta circolare svolgerebbe, ad avviso dell’ente, funzione interpretativa autentica in relazione al Decreto Min. Lavoro del 15-03-2005, con conseguente valenza retroattiva dell’obbligo contributo al secondo trimestre 2005.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Un'associazione sportiva non riconosciuta gestisce una palestra, e ha ricevuto la visita degli ispettori Siae che hanno consegnato le circolari n. 7 e 8 del 30.03.2006 dell'ENPALS, senza elevare rilievi di sorta. Alla luce delle predette circolari, e di quanto esposto nell'articolo del Dott. Andreani, si espone la seguente fattispecie: Il Presidente dell'A.s. è stato iscritto alla gestione separata Inps in qualità di socio amministratore (e non di addetto alla segreteria o quant'altro) con cedolino e Cud, dichiarando il reddito come assimilato a quello da lavoro dipendente pur potendo usufruire dell'agevolazione prevista dall'art. 67, lettera 1 comma m) del Tuir. Si chiede pertanto se continuare a versare all'Inps oppure attuare la procedura del passaggio all'ENPALS considerando le mansioni svolte? Grazie e cordiali saluti. risposta a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi, Consulente Regionale Fiscosport Marche.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
In riferimento al decreto del 15 marzo 2005, riguardante l'assicurazione obbligatoria degli istruttori all'Enpals, mi chiedevo se ciò vale anche per gli istruttori che operano per associazioni sportive dilettantistiche ai quali vengono corrisposti compensi fino a 7500 euro in base alla legge ex 133/99 (ai quali viene fatto il tesseramento con la federazione di appartenenza). risposta a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi, Consulente Regionale Fiscosport Marche

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Le associazioni di volontariato, le ONLUS, le associazioni di promozione sociale, nonchè le altre fondazioni ed associazioni riconosciute (ricordiamo la nostra posizione in merito al "riconoscimento", che deve intendersi "della personalità giuridica" - vedasi anche risposta al quesito n. 228 del 22/6/2006) devono spedire a mezzo raccomandata a.r. alla Direzione regionale dell'Agenzia delle Entrate (nel cui ambito territoriale si trova il domicilio fiscale dei soggetti medesimi) una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (DPR 28/12/00 N. 445) che attesti la persistenza dei requisiti di cui alla legge n. 266/05 per essere beneficiari del 5 per mille dell'Irpef (limitatamente agli enti che hanno presentato l'iscrizione entro il 10/2/2006 (poi prorogata al 20/2/2006) e che sono stati inseriti negli specifici elenchi dell'Agenzia delle Entrate. Fiscosport ha predisposto un fac-simile di tale autocertificazione, che gli utenti abilitati possono scaricare in allegato. Alla dichiarazione deve essere allegata, oltre ad una copia fotostatica di un documento d'identità del legale rappresentante dell'Associazione, anche la copia della ricevuta telematica attestante l'avvenuta presentazione della domanda di iscrizione al predetto elenco nel termine sopra indicato.

Continua ...

 


« Precedente1 ... 166 167 168 169 170 ... 176 Successivo » (2506-2520/2637) | Per pagina: 15, 20


a
A

Fiscosport informa:

Fiscosport © è un marchio registrato.

Il materiale pubblicato sul sito è tutelato dalla normativa sul diritto d'autore. Poiché scopo di Fiscosport è la divulgazione di informazioni utili al mondo sportivo dilettantistico, viene concessa volentieri la possibilità di utilizzare testi e allegati a condizione che vengano citati sia l’autore che la fonte (indicando il link di riferimento).

Grazie della collaborazione.

__PARTIAL EDIZIONI

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.