Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

19l_le-risposte-ai-quesiti

Un’a.s.d., ad aprile 2017, all’atto della costituzione e richiesta del codice fiscale, non ha provveduto alla registrazione di atto costitutivo e statuto. Successivamente, a giugno, l’assemblea straordinaria modifica lo statuto (denominazione e altri parti) e provvede a richiedere anche la partita IVA, ma ancora una volta non provvede a registrare la modifica dello statuto. Per non perdere le agevolazioni fiscali della “decommercializzazione” prevista dall’art. 148 del T.U.I.R., dovrà provvedere a registrare tardivamente (con relative sanzioni e interessi) il verbale dell’assemblea straordinaria con la modifica dello statuto o dovrà registrare anche atto costitutivo e statuto originari? Inoltre presentando ormai tardivamente anche il modello EAS pagherà la sanzione per la remissione in bonis oggi di € 250 (o 258?) per intero o riducibile in base al periodo di pagamento (ad esempio nel caso di tardività inferiore a 90gg 1/9 del minimo)?

 

Si ritiene che debbano essere registrati entrambi gli atti, ovvero:

- atto costitutivo, con lo statuto inizialmente adottato dall'ASD

- assemblea straordinaria di modifica dello statuto, con il nuovo testo statutario.

Per entrambe le registrazioni dovrà essere pagata l'imposta di registro, oltre a sanzioni e interessi per la tardiva registrazione.

Relativamente al modello EAS, è corretto che venga applicato l'istituto della remissione in bonis (sul quale si veda da ultimo "Remissione in bonis": la scadenza è il 31 ottobre 2017) mediante il pagamento - per intero - dell'apposita sanzione di euro 250,00.


L'articolo è stato ispirato da...

utente Fiscosport n° 21305 - prov. di Messina (ME) 04 Ago 2017 
registrazione tardiva atto costitutivo e statuto

Un’asd, ad aprile 2017, all’atto della costituzione e richiesta del codice fiscale non ha provveduto alla registrazione di atto costitutivo e statuto. Successivamente, a giugno, l’assemblea straordinaria modifica lo statuto (denominazione e altri parti) e provvede a richiedere anche la partita iva, ma ancora una volta non provvede a registrare la modifica dello statuto. Per non perdere le agevolazioni fiscali della “decommercializzazione” prevista dall’art. 148 del tuir, dovrà provvedere a registrare tardivamente (con relative sanzioni e interessi) il verbale dell’assemblea straordinaria con la modifica dello statuto o dovrà registrare anche atto costitutivo e statuto originari? Inoltre presentando ormai tardivamente anche il modello EAS pagherà la sanzione per la remissione in bonis oggi di € 250 (o 258?) per intero o riducibile in base al periodo di pagamento (ad esempio nel caso di tardività inferiore a 90gg 1/9 del minimo)?


 


a
A

Articoli Simili








Articoli in Evidenza

Non ci sono informazioni disponibili

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.