Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

19l_le-risposte-ai-quesiti

Una piccola a.s.d. (running e trail) si trova in difficoltà con i nuovi dati da inserire nel Registro CONI: è richiesto il tipo di corso e relativo istruttore, laddove l'a.s.d. fa solo le gare ma non proprio i "corsi"; presso una stanza in affitto in una palestra, infatti, i soci vengono "allenati" - a titolo gratuito - da una persona che non ha nessuna qualifica professionale. Poiché si teme di perdere la possibilità di registrazione al CONI e i benefici della 398, si chiede quali altri soluzioni esistano per poter continuare l'attività: è necessario cambiare lo statuto? e in che direzione? Esistono strumenti di gestione snella come è la 398 (nel senso che basta il solo rendiconto finanziario)? Quali altre vie di uscita esistono che permettano di operare anche senza essere affiancati da un commercialista?

 

L’articolo 7 del d.l. 136/2004 prevede, in assenza del riconoscimento sportivo rilasciato dal Coni e conseguente mancata iscrizione al relativo registro, l’impossibilità di beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dall’articolo 90 della Legge 289/02, tra cui, in riferimento alle sole società sportive dilettantistiche costituite sotto forma di società di capitali senza scopo di lucro, l’applicabilità della Legge 398/91. Pertanto, indipendentemente dal riconoscimento sportivo, gli enti non commerciali, ricorrendone i presupposti soggettivi (no scopo di lucro) e oggettivi (plafond 400.000), possono accedere al regime agevolato di cui alla Legge 398/91.

Solo dopo l’entrata in vigore della c.d. riforma del Terzo Settore, ossia a partire dal periodo d’imposta successivo all’autorizzazione della Ue e dell’operatività del Runts (Registro unico Nazionale del Terzo Settore), eccezion fatta per i sodalizi sportivi dilettantistici iscritti al Registro Coni in quanto svolgenti discipline riconosciute come sportive dal Coni stesso, i benefici della 398 saranno cancellati per la generalità delle associazioni senza scopo di lucro (abolizione dell’art. 9 bis del d.l. 417/91).

Dal quesito - ma al fine di una puntuale risposta sarebbe indispensabile una verifica dello statuto - pare di capire che l’attività svolta dall’a.s.d. sia il trail-running, pratica sportiva che, al pari dello sky running, essendo compresa nell’elenco delle 385 discipline riconosciute, consentirà, per quanto sopra argomentato, di continuare ancora in futuro a usufruire della 398.

La lettrice scrive anche dello svolgimento di gare, un dato, questo, che a partire dal 2019, insieme agli ulteriori eventi didattici  e/o formativi svolti nell’ambito del proprio organismo affiliante (FSN/EPS/DSA) e alla qualifica dei tesserati (dirigente, istruttore, atleta agonista o non), deve essere presente nella relativa sezione del Registro Coni. Anticipiamo qui che su questo punto - cioè sulle regole stabilite per l’iscrizione nel Registro CONI - sarà dedicato un articolo di approfondimento in uscita nella prossima Newsletter. 

Per quanto riguarda all’accennata questione sull’assenza di professionalità da parte dell’istruttore si rimanda all’articolo di Bianca Stivanello, Titoli, diplomi, brevetti degli istruttori (A margine del Quesito dell'Utente n. 19922), in Newsletter n. 23/2018 del 20 dicembre 2018.

Infine: comprendiamo bene la preoccupazione finale della gentile lettrice, ma non possiamo esimerci - avendo presente il sempreverde detto “chi più spende meno spende” - dal suggerire di rivolgersi comunque a un/una professionista al fine di avere un diretto supporto in merito alle problematiche esposte.


L'articolo è stato ispirato da...

utente Fiscosport n° 11852 - prov. di Ancona (AN) 08 Feb 2019 
piccolissima asd ( 20 soci /tesserati) perde iscrizione coni

Buongiorno siamo una piccolissima asd ( running e trail) e dal 2019 mi chedono di inserire sul sito coni dei corsi e il relativo istruttore. noi facciamo le gare ma non "proprio i corsi". abbiamo una stanza in affitto in una palestra dove ci alleniamo o meglio ci allena una persona che non ha nessuna qualifica professionale. infatti lo fa in modo gratuito . pertanto penso che in un vicono futuro perderò l'iscrizione coni e pertanto la 398. volevo chiedere cosa posso diventare come società per continuare l'attività? devo cambiare lo statuto penso ma non so in cosa esattamente. mi servirebbe sempre una gestione snella come la 398 nel senso con il solo rendiconto finanziaro. altrimenti non avendo soldi non ci possiamo permettere un commercialista e tutti vari adempimenti fiscali. mi dispiacerebbe dover chiudere per cui sto cercando una via di uscita. grazie mille saluti claudia


 


a
A

Articoli Simili








Articoli in Evidenza

No data to display

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.