Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

19l_le-risposte-ai-quesiti

Una a.s.d. iscritta al CONI organizza "attività sportiva ginnastica finalizzata alla salute ed al fitness" e svolge servizi di palestra solo ai propri associati (circa 100). Il Comune (in provincia di Roma) sostiene che in capo all'a.s.d. sussisteva l'obbligo di presentare al SUAP una SCIA come palestra entro 30 giorni dall'inizio dell'attività, anche se questa è rivolta ai soci. Secondo l'a.s.d. detto obbligo non sussiste. Si chiedono cortesemente riferimenti per la soluzione di questo problema.

 

La l.r. 20 giugno 2002 n. 15 (Testo unico in materia di sport del Consiglio Regionale del Lazio) prevede al CAPO III - DISCIPLINA RELATIVA AD IMPIANTI PER L’ESERCIZIO DELLE ATTIVITA’ SPORTIVE

Art. 34 (Impianti e palestre per l’esercizio delle attività motorie e sportive) - 
1. L’apertura e la gestione di impianti e di palestre per l’esercizio delle attività motorie e sportive sono subordinate alla preventiva comunicazione rivolta al comune territorialmente competente; nella comunicazione il soggetto interessato attesta il possesso dei requisiti richiesti dal regolamento di cui al comma 2 per l’esercizio della relativa attività. 

Si ritiene pertanto che la richiesta del Comune in questione sia pienamente fondata, e che l'associazione debba provvedere alla presentazione di "SCIA per inizio attività di palestre e sale ginniche" presso lo sportello SUAP competente, attraverso le modalità telematiche offerte dal servizio "impresa in un giorno" (possibile previa registrazione dell'utente).

L'obbligo sussiste anche nei confronti di una a.s.d. che non esercita l'attività di promozione sportiva nei confronti del pubblico indistinto ma esclusivamente nei confronti di soggetti qualificati, come associati e/o tesserati.

A tal fine i locali adibiti all'esercizio dell'attività devono rispettare i requisiti tecnici e oggettivi richiesti, certificandoli in allegato alla SCIA, e i responsabili tecnici/istruttori devono rispettare i requisiti soggettivi richiesti, anche questi mediante certificazioni da allegare alla SCIA. 

A ciò si aggiungerebbe anche il rispetto delle normative in materia di prevenzione incendi (presso le autorità competenti, VV.FF.), applicabili in funzione della natura e della dimensione delle superfici dei locali adibiti all'attività sportiva.

La "SCIA per attività soggette ai controlli di prevenzione incendi", ai sensi del d.p.r. n. 151 del 2011, è infatti prevista per "Locali di spettacolo e di trattenimento in genere, impianti e centri sportivi, palestre, sia a carattere pubblico che privato, con capienza superiore a 100 persone, ovvero di superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 mq. Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico".

A nulla rileva quanto descritto nel quesito a proposito di iscrizione al CONI, di servizi esclusivamente rivolti agli "iscritti" e del numero complessivo degli associati.

Per ulteriori informazioni in materia si rinvia il lettore al seguente quesito già pubblicato sulle pagine di Fiscosport: Presentazione SCIA al Comune competente, in Newsletter n. 2/2017. 

 
* * *
 
A titolo esemplificativo, si presentano di seguito le schermate catturate dalla compilazione delle pratiche di inizio attività in uso dal Comune di Taranto, servizio telematico SUAP - Impresa in un giorno.
 

 

 

 

ADEMPIMENTO

  • SCIA per inizio attività di palestre e sale ginniche

 

 

 

ALLEGATI

Certificato di conformità/collaudo degli impianti tecnologici
copia attestazione versamento oneri, diritti e spese
Titolo abilitativo del responsabile tecnico e degli istruttori
Copia del contratto di lavoro del responsabile tecnico e degli istruttori
dichiarazione di accettazione dell'incarico da parte del responsabile tecnico (se diverso dal dichiarante)
Planimetria con scala 1:100 con individuazione dell' ubicazione dell'attività e posizione delle attrezzature ed arredi, redatta dal tecnico abilitato.

 

 

 

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

  • R.D. 18/06/1931 n. 773 (T.U.L.P.S.) Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza
  • Reg. Esec. R.D. 6/05/1940 n. 635 Approvazione del regolamento per l'esecuzione del testo unico 18 giugno 1931, n. 773 delle leggi di pubblica sicurezza.
  • L. 07/08/1990 n. 241 e s.m.i. Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi
  • L.R. 4 dicembre 2006 n. 33 Norme per lo sviluppo dello sport per tutti

 

 

 

 

 

ADEMPIMENTO

  • SCIA per attività soggette ai controlli di prevenzione incendi

 

 

 

ALLEGATI

Dichiarazione di non aggravio del rischio incendio
copia attestazione versamento oneri, diritti e spese
Certificazione di resistenza al fuoco
VV.F. Asseverazione ai fini della sicurezza antincendio
Dichiarazione inerente i prodotti
Certificazione di rispondenza e di corretto funzionamento dell'impianto
VV.F. Segnalazione certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio ai sensi dell'art. 4 del D.P.R. 151/2011
relazione tecnica prevista nell'all. 1 al DM del 7.8.2012 (obbligatoria nei casi previsti dall'art. 4 del DM del 7.8.2012)
Dichiarazione di corretta installazione e funzionamento dell'impianto
elaborati grafici previsti nell'all. 1 al DM del 7.8.2012 (obbligatori nei casi previsti dall'art. 4 del DM del 7.8.2012)

 

 

 

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

  • D.Lgs. 6.9.2011 n.159 Scarica il testo della normativaCodice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136 (art. 85)
  • D.P.R. 01/08/2011, n. 151 Scarica il testo della normativaRegolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4 -quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

L'articolo è stato ispirato da...

utente Fiscosport n° 22213 - prov. di Roma (RM) 15 Jan 2020 
RICHIESTA DA PARTE DEL COMUNE DI PRESENTAZIONE SCIA ATTIVITA' DI PALESTRA

BUONASERA SONO UN COMPONENTE DI UNA ASD ISCRITTA AL CONI COME ATTIVITA' DI "Attività sportiva ginnastica finalizzata alla salute ed al fitness " E NON SVOLGIAMO SERVIZI DI PALESTRA AI NON ISCRITTI . IL COMUNE CI HA COMUNICATO CHE AVEVAMO L'OBBLIGO DI PRESENTARE UNA SCIA COME PALESTRA AL SUAP ENTRO 30 GIORNI DALL'INIZIO DELL'ATTIVITA' ANCHE SE RIVOLTA AI SOCI . NON HO LETTO DA NESSUNA PARTE DELL'ESISTENZA DI QUEST'OBBLIGO PER CHI SVOLGE IL FITNESS IN FORMA DI ASD MA , DATA L'INSISTENZA DEL COMUNE (ROCCA DI PAPA) MI STA SORGENDO IL DUBBIO DI NON ESSERE NEL GIUSTO . POTETE DARMI DEI RIFERIMENTI PER LA SOLUZIONE DI QUESTO PROBLEMA.? PRECISO CHE L'ASSOCIAZIONE ANNOVERA MENO DI 100 ASSOCIATI . GRAZIE


 


a
A

Articoli Simili








Articoli in Evidenza

No data to display

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.