Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

5631l

Una a.s.d. in regime 398 non ha mai svolto attività di natura commerciale. Nel 2017 (per il 2016) e nel 2018 (per il 2017) a causa di una svista non è stato inviato il Mod. Unico - a zero proventi commerciali - alla Agenzia delle Entrate. Se ci sono sanzioni da pagare, a quanto ammonterebbero alla data 30 luglio 2019 per ciascuno degli anni 2017 e 2018?

 

Il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi dei soggetti IRES scade l’ultimo giorno dell’undicesimo mese successivo a quello di chiusura del periodo di imposta.

Se la stessa è presentata entro 90 giorni dal termine previsto si configura una tardiva dichiarazione, oltre i 90 giorni è considerata omessa o non presentata.

Quando la dichiarazione si considera omessa non può essere regolarizzata tramite il ravvedimento, anche se, presentandola entro la scadenza della dichiarazione successiva, le sanzioni si riducono del 50% e non risultano applicabili eventuali sanzioni penali.

Nel caso indicato:

 

Scadenza

Scadenza tardiva

Scadenza successiva dichiarazione

Redditi 2017

30/11/2017

28/02/2018

30/11/2018

Redditi 2018

30/11/2018

28/02/2019

02/12/2019

 

L’impianto sanzionatorio, per la presentazione della dichiarazione nei periodi suindicati, in presenza di imposte non dovute, è il seguente:

1. Dichiarazione tardiva

si applica la sanzione da euro 250 a euro 1.000, come da articolo 1, comma 1, D.Lgs. n. 471/97.

Tale obolo si può regolarizzare tramite ravvedimento, presentando la dichiarazione entro i 90 giorni e versando la sanzione ridotta )art. 13, comma 1, lett. c), D.Lgs. 472/97) pari a euro 25 (250x1/10), con il codice tributo ‘8911’ e, come periodo di riferimento l’anno a cui si riferisce la violazione, versamento che va effettuato entro il termine previsto per il ravvedimento, come indicato nella Circolare Ministeriale n. 180/E del 10.7.98.

2. Dichiarazione omessa, se presentata entro il termine della dichiarazione del periodo di imposta successivo,

 e prima di qualsiasi attività di accertamento di cui il contribuente abbia formale conoscenza, la sanzione va da 150 euro a 500 euro, se non sono dovute imposte.

La presentazione della dichiarazione, ancorché considerata omessa, è titolo per la riscossione delle imposte liquidate al suo interno (art. 2, c. 7, DPR n. 322/98); se presentata entro il termine di quella successiva consente di evitare l’applicazione della sanzione penale (art. 5, D. Lgs. N. 74/2000, soglia euro 50.000).

3. Dichiarazione omessa, presentata oltre il termine della dichiarazione per il periodo di imposta successivo,

sempre prima di qualsiasi attività di accertamento, la sanzione va da euro 250 a euro 1.000, nel caso di imposte non dovute.

Per gli eventuali risvolti penali, si veda l'approfondimento di S. Andreani, Il reato di omessa presentazione della dichiarazione IVA, in Newsletter n. 21/2019.

Con riferimento alla situazione esistente alla data del 30 luglio 2019 la sanzione che avrebbe potuto essere irrogata, per i due modelli non presentati, sarebbe ammontata rispettivamente a euro 150,00 (anno imposta 2017) ed euro 250,00 (anno imposta 2016). Ovviamente, essendo oggi decorso anche il termine per la presentazione della dichiarazione annuale 2018, la sanzione che potrà essere irrogata è di 250 euro per entrambi gli anni.

Va infine tenuto presente che potrebbero sorgere altre conseguenze qui non preventivabili, quali quelle risultanti da un accertamento induttivo derivante dalle disposizioni previste dall'articolo 39, c. 2 del d.p.r. 600/73, effettuabili appunto in casi di dichiarazioni omesse.


L'articolo è stato ispirato da...

utente Fiscosport n° 20483 - prov. di Lecce (LE) 30 Jul 2019 
modello unico ENC

Una A.S.D. in regime 398, non ha mai svolto attività di natura commerciale. Nel 2017 (per il 2016) e nel 2018(per il 2017) il commercialista a causa di una svista, non ha inviato il Mod. Unico -a zero proventi commerciali- alla Agenzia delle Entrate. Se ci sono sanzioni da pagare, a quanto ammonterebbero alla data 30 luglio 2019..per ciascuno degli anni 2017 e 2018..? Grazie


 


a
A

Articoli Simili








Articoli in Evidenza

No data to display

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.