Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

Newsletter Newsletter Fiscosport n. 8/2017 - Speciale QUESITI
8/2017 - QUINDICINALE del 27 aprile 2017

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una a.s.d. consente l'accesso alla propria sede ai soci, nonché, ai tesserati presso lo stesso e.p.s. a cui l'associazione stessa è affiliata. Nei confronti degli stessi eroga servizi didattici e consente la pratica sportiva nella palestra. Posta la legittimità di tale comportamento e la decommercializzazione del "corrispettivo" pagato dai tesserati per le attività sportive e gli insegnamenti che in tale ambito ricevono, si chiede se sia legittimo, e da considerare fiscalmente non rilevante/pericoloso, la prassi da parte della a.s.d. di comprare una tessera presso gli eps a € X e rivenderla a € X + 1

Continua ...

 

4916m
Una S.r.l., che ha costituito una scuola di pilotaggio aereo (ATO, APR) debitamente autorizzata da ENAC, si rivolge ad una a.s.d. (aeroclub) iscritta al registro delle associazioni sportive del CONI per usufruire della sede e degli istruttori aeronautici. La S.r.l. fattura l'intero servizio ai partecipanti al corso. La a.s.d. fattura alla S.r.l. i servizi resi considerandoli attività commerciale. La a.s.d. utilizza la 398/91 sia per le imposte dirette che per le indirette; e utilizza i rimborsi forfettari per i propri istruttori. Si chiede se la procedura possa ritenersi corretta.

Continua ...

 

4917m
Una a.s.d. costituitasi per proseguire l'attività sportiva svolta in Oratorio utilizza i campi della Parrocchia della quale è diretta emanazione. Annualmente effettua un'erogazione liberale in favore della stessa per le opere di ristrutturazione degli spazi oratoriani. E' procedura corretta?

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
In una Convenzione tra una a.s.d. e un Comune per la concessione di gestione di un centro sportivo, all'art. 23 di detta convenzione si trova scritto: "Stante la natura del corrispettivo, definito come differenza tra le entrate derivanti dal sub-affitto del bar, dall'eventuale sub-locazione dell'alloggio sovrastante il bar e dalle tariffe d'uso degli impianti, riscosse per conto del COMUNE e le spese di gestione del Centro, l'importo dovuto è da intendersi non assoggettato a IVA". L'a.s.d. emette fattura non soggetta a IVA (come recita la convenzione) oppure con IVA?

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una SSD in regime fiscale 398/91 affiliata a federazione sportiva nazionale e ad ente di promozione per altre attività sportive, in possesso di tutti i requisiti previsti dal 398/91, svolge soprattutto attività conformi allo statuto ai fini istituzionali e marginalmente attività commerciale. A seguito di verifica fiscale viene contestato il mancato tesseramento di una parte consistente di partecipanti; rileggendo l'art. 148 c. 3 del T.U.I.R. il tesseramento non emergerebbe come prerequisito per la decommercializzazione delle quote tra le quali troviamo distintamente anche quelle dei partecipanti... Come controbattere nei confronti dei verificatori?

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una società paga direttamente al fornitore le divise sportive destinate a una s.s.d. di nuoto. Si chiede se queste erogazioni in denaro e natura alla s.s.d. rientrino nella presunzione che le considera pubblicità fino a euro 200.000 e quali siano gli adempimenti contabili e fiscali che la s.s.d. dovrà seguire.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
In una S.S.D. unipersonale sono presenti tre amministratori: uno è libero professionista (geometra), amministratore non socio e verrà compensato per quest'attività con cedolino paga come parasubordinato; uno è commercialista, amministratore non socio e verrà compensato per quest'attività tramite fattura; il terso è titolare di impresa individuale che fornisce servizi di consulenza aziendale (codice 70.22.09), unico socio della SSD e Presidente del CDA, e verrà compensato per quest'attività con cedolino paga come parasubordinato. Ovviamente il primo e il terzo soggetto si iscriveranno anche alla gestione separata Inps. Si può considerare corretta tale impostazione? Sempre il primo e il terzo soggetto lavoreranno anche nella S.S.D. con compiti operativi (segreteria, manutenzione, contabilità semplice, ecc.). Il geometra, in quanto non socio, verrà compensato per la sua attività operativa col regime dei 7500. L'imprenditore consulente aziendale invece è l'unico socio ed è già iscritto alla gestione commercianti per la sua attività individuale. La domanda è: come potrà essere compensato per i suoi compiti operativi amministrativo-gestionali ? Potrà emettere fattura alla S.S.D. in quanto tra l'altro consulente amministrativo-gestionale (descrizione che si trova nel codice ateco 70.22.09) oppure ricadrà nel regime dei 7500 euro (tenendo però presente che sarà quasi sempre nella struttura) o vi sono altre alternative da valutare (per esempio dipendente ma in quanto anche Presidente del CDA si ritiene vi siano dubbi sulla fattibilità di questa soluzione).

Continua ...

 

4894m
Premesso che le ricevute emesse a fronte di pagamenti superiori a € 77,47 va apposto un bollo da 2 €, si chiede se per i pagamenti da parte dei soci ricevuti a mezzo bonifico bancario sia obbligatorio comunque emettere la ricevuta bollata. Se la registrazione del bonifico in contabilità comporta l'emissione automatica della ricevuta (peraltro non richiesta dal socio) è possibile astenersi dal bollare tale evidenza interna, che rimane allegata alla copia del bonifico?

Continua ...

 

4895m
Si chiede conoscere il quadro normativo di riferimento in merito agli ospiti (non associati) dei soci e all'eventuale regime agevolativo al fine dell'applicazione della normativa sulla somministrazione di alimenti e bevande, essendo questa riservata ai soli soci, oltre ai profili legati al regime sanzionatorio in caso di controlli degli organi preposti.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Dopo la lettura della risposta a un quesito relativo ai compensi per soci che svolgono pulizie, quesito apparso sulla Newsletter n. 4/2017, una a.s.d. in regime di 398/91 chiede per quali delle seguenti categorie non valga il principio dei compensi non tassabili fino a 7.500 euro annui, rientrando nelle problematiche del quesito sopra menzionato: - calciatori; - allenatori; - responsabile settore giovanile/direttore sportivo; - addetti manutenzione strutture; - massaggiatore e medico; - autisti trasporto giocatori settore giovanile. Si specifica che tutti sono soci dell'associazione.

Continua ...

 

4912m
Una a.s.d. che ha scelto di non avere tesserati ma di iscrivere tutti come soci, organizza corsi per minorenni (circa i 2/3 dei soci) e maggiorenni. La convocazione delle assemblee per l'approvazione del bilancio annuale avviene con avvisi via mail e sms, mediante informativa a voce ai soci e affissione della comunicazione in bacheca: nonostante questo la presenza dei soci è bassissima, e si tratta per lo più vengono solo di soci minorenni con i loro genitori. Date queste premesse si chiede: 1) i Soci minorenni NON hanno diritto di voto e di parola, possono essere rappresentati dai genitori? 2) i genitori dei Soci minorenni HANNO diritto di parola? ... e di voto? o possono solo "ascoltare"? 3) le assemblee andate deserte in prima convocazione possono essere fatte in seconda convocazione lo stesso giorno, o vanno convocate in data diversa? 4) al momento dell'assemblea viene estrapolato dal Libro Soci l'elenco dei Soci che hanno diritto a presenziare, nel senso che non vengono accettati Soci dimissionari e Soci che benché non abbiano mai dato le dimissioni non si vedono da anni, e non pagano le quote sociali: si chiede se sia un comportamento corretto; 5) e infine la firma della presenza di un genitore di un Socio minorenne vale per il raggiungimento del quorum? e per l'approvazione del bilancio?

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Lo statuto di una a.s.d. senza personalità giuridica, riconosciuta dal CONI e affiliata alla F.G.I., non contempla la presenza del Collegio dei Revisori, e nelle assemblee straordinarie prevede in prima convocazione un quorum del 50 + 1, mentre in seconda convocazione l'assemblea è valida qualunque sia il numero dei soci presenti. Durante una assemblea un socio ha contestato lo statuto, asserendo che è obbligatorio prevedere un Collegio dei Revisori, e che nelle assemblee straordinarie deve essere previsto in seconda convocazione un quorum minimo del 25%. Alla luce di quanto esposto, si chiede: 1) se sia obbligatorio prevedere nello statuto un Collegio dei Revisori; 2) in caso di risposta positiva, se debba essere formato da soci, o da professionisti iscritti all'albo; 3) e infine se sia obbligatorio prevedere per le assemblee straordinarie in seconda convocazione un quorum minimo.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Si chiedono chiarimenti civilistici e fiscali per la costituzione di una associazione sportiva dilettantistica e di promozione sociale. Si chiede inoltre quali siano i vantaggi per un'associazione sportiva dilettantistica nel diventare di promozione sociale e viceversa.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una società sportiva dilettantistica a r.l. in regime l. 398 gestisce una palestra con un'attività istituzionale (centro sportivo) e un'attività commerciale (bar-thermarium-estetica”. Si chiede se sia possibile gestire le attività in contabilità separata ex art. 36, d.p.r. 633 al fine di liquidare l’iva nei modi ordinari (a credito fatture fornitori a debito prestazioni) dell'attività istituzionale in regime agevolato L.398 (esente Iva art. 4) dell'attività commerciale in regime ordinario (con liquidazione iva normale).

Continua ...

 



a
A

Fiscosport informa:

Fiscosport © è un marchio registrato.

Il materiale pubblicato sul sito è tutelato dalla normativa sul diritto d'autore. Poiché scopo di Fiscosport è la divulgazione di informazioni utili al mondo sportivo dilettantistico, viene concessa volentieri la possibilità di utilizzare testi e allegati a condizione che vengano citati sia l’autore che la fonte (indicando il link di riferimento).

Grazie della collaborazione.

__PARTIAL EDIZIONI

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.